Reflusso gastroesofageo: Sintomi, cause, dieta e rimedi

4 MINUTES

Come si fa a capire se si ha il reflusso gastroesofageo?

Il reflusso gastroesofageo (GERD) è una condizione caratterizzata dalla risalita di succhi gastrici nell’esofago, con possibili conseguenze per la salute. Comprendere appieno i sintomi, le cause, la dieta e come curare il reflusso gastroesofageo è cruciale per affrontare efficacemente questa patologia.

Sintomi del reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo può manifestarsi attraverso diversi sintomi, tra cui:

  1. Rigurgiti gastrici: Il ritorno involontario del contenuto dello stomaco nell’esofago.
  2. Bruciore di stomaco: Una sensazione di bruciore nella parte alta dell’addome o dietro al petto.
  3. Dolore toracico e/o retrosternale: Una sensazione di dolore sordo o pressione nella zona del torace.
  4. Eruttazioni e difficoltà a digerire: Problemi digestivi accompagnati da eruttazioni frequenti.
  5. Nausea e singhiozzo: Sensazioni di malessere e contrazioni involontarie del diaframma.

Sintomi Atipici

Alcuni sintomi meno comuni possono includere:

  1. Tosse cronica e secca: Un riflesso tosse persistente.
  2. Raucedine e disfonia: Cambiamenti nella voce.
  3. Sensazione di nodo alla gola: Sentirsi come se ci fosse un ostacolo in gola.
  4. Asma e dispnea: Difficoltà respiratoria e respiro affannoso.
  5. Erosioni allo smalto dei denti: Danni agli smalti dentali a causa dell’acidità.

Cause del reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo è influenzato da diversi fattori, inclusi quelli alimentari, anatomici, ormonali e farmacologici. Una debolezza dello sfintere esofageo inferiore, che separa l’esofago dallo stomaco, può consentire il reflusso. Alcuni fattori di rischio includono:

  1. Ernia iatale: La parziale risalita dello stomaco in torace.
  2. Condizioni che aumentano la pressione intra-addominale: Gravidanza, obesità, sovrappeso.
  3. Aumento della produzione gastrica di acido: Stress, digestione lenta, eccessivo riempimento dello stomaco.
  4. Assunzione di farmaci come gli anti-infiammatori non steroidei (FANS).

Conseguenze gravi del reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo può portare a complicazioni serie, tra cui:

  1. Esofagite: Infiammazione della mucosa dell’esofago con dolore e difficoltà di deglutizione.
  2. Stenosi esofagea: Restringimento dell’esofago, rendendo difficile il passaggio del cibo.
  3. Esofago di Barrett: Formazione di cellule precancerose, aumentando il rischio di tumore dell’esofago.
  4. Irritazione delle vie aeree: Possibili problemi respiratori, broncospasmo e infiammazione polmonare.

Di reflusso gastroesofageo non si può morire.

Diagnosi e trattamento del reflusso gastroesofageo

La diagnosi solitamente avviene attraverso l’esame clinico e la risposta alla terapia. Tuttavia, possono essere necessari accertamenti diagnostici come esofago-gastro-duodenoscopia, radiografia del tubo digerente, manometria esofagea e pH impedenzometria esofagea.

Il trattamento prevede l’uso di farmaci come inibitori della pompa protonica, antagonisti dei recettori H2, antiacidi e procinetici. Si consiglia di adottare uno stile di vita sano, evitando il fumo, riducendo il consumo di alcol, caffeina e cibi grassi, e mantenendo pratiche alimentari corrette.

Prevenzione del reflusso gastroesofageo

Uno stile di vita sano, una dieta equilibrata e l’attività fisica regolare sono chiavi per prevenire il reflusso gastroesofageo. Evitare stress e abitudini dannose può contribuire a mantenere la qualità della vita.

Dieta per il reflusso gastroesofageo

La dieta per la malattia da reflusso gastroesofageo mira a:

  1. Potenzialmente ridurre l’eccesso di peso.
  2. Suddividere in modo più equo i pasti, riducendone le dimensioni.
  3. Eliminare alimenti che stimolano la secrezione gastrica, come caffè, tè e alcolici.
  4. Escludere spezie e bevande gassate.
  5. Ridurre al minimo o eliminare pasti molto ricchi di grassi.
  6. Limitare cibi proteici poco digeribili, come quelli crudi o con cottura prolungata.
  7. Evitare cibi molto freddi o molto caldi.
  8. Ridurre al minimo o eliminare cioccolato, menta, cipolla e aglio.

Gli alimenti che favoriscono maggiormente il reflusso sono quelli noti come acidi, inducendo una reazione acida che può causare maggiore fastidio durante l’infiammazione dello stomaco. Alcuni cibi da evitare o eliminare includono il caffè, il pomodoro, gli agrumi, gli alcolici e superalcolici, le carni grasse e affumicate, il cioccolato, la menta, gli insaccati, i formaggi grassi, fermentati e piccanti, nonché le salse e i sughi preconfezionati.

La gestione della malattia da reflusso gastroesofageo richiede anche l’adozione di abitudini specifiche, tra cui: smettere di fumare, evitare abiti troppo stretti, mantenere una postura eretta durante e dopo i pasti, masticare a lungo, coricarsi almeno 3 ore dopo i pasti e evitare sforzi fisici immediatamente dopo aver mangiato.

Reflusso gastroesofageo: rimedi della nonna

Le terapie naturali per il reflusso gastroesofageo includono gli impareggiabili rimedi tradizionali che contribuiscono a prevenire o alleviare il disturbo. Tra questi rientrano le tisane naturali a base di passiflora, liquirizia (efficace contro la nausea), malva e lavanda (per contrastare lo stress), camomilla e zenzero (con proprietà antinfiammatorie).

I rimedi della nonna per il trattamento del reflusso gastroesofageo comprendono anche il consumo di estratto di carote e cavolfiore, insieme alle mandorle per mitigare l’acidità di stomaco. Un rimedio antico contro l’acidità di stomaco consiste nell’assumere acqua tiepida e bicarbonato di sodio tra i pasti.

Reflusso gastroesofageo: cura definitiva?

La chirurgia antireflusso risulta essere più efficace della terapia farmacologica nei pazienti che non rispondono agli inibitori della pompa protonica (IPP). Tuttavia, circa il 30% dei pazienti sottoposti all’intervento non ha ottenuto alcun beneficio. Inoltre, in una percentuale significativa, stimata intorno al 20%, i sintomi del reflusso gastroesofageo tendono a ripresentarsi nel tempo, costringendo i pazienti a riprendere la terapia farmacologica o a sottoporsi a una nuova operazione. Quindi, l’intervento di fundoplicatio secondo Nissen non rappresenta sempre una soluzione definitiva per il reflusso gastroesofageo.

In conclusione…

Comprendere il reflusso gastroesofageo è fondamentale per affrontare efficacemente questa condizione. Consultare un gastroenterologo per una valutazione accurata e adottare una gestione consapevole può migliorare significativamente la qualità della vita dei pazienti affetti da reflusso gastroesofageo.

Contattare il gastroenterologo Dott. Christos Zavos

Dr. Christos Zavos è un gastroenterologo ed epatologo certificato, con sede a Salonicco, Grecia, e in particolare nel sobborgo di Kalamaria, a circa 7 chilometri a sudest del centro di Salonicco. Il suo studio privato si trova in via Fanariou 8 (vicino alle vie Aigaiou e Adrianoupoleos), a Kalamaria, Salonicco, Grecia.

L’aeroporto internazionale di Salonicco dista solo 10 chilometri dal suo studio privato a Kalamaria ed è raggiungibile in taxi in soli 13 minuti dall’aeroporto.

Il gastroenterologo Dott. Christos Zavos effettua le endoscopie presso la clinica privata Bioclinic nel centro di Salonicco, in via Mitropoleos 86.

Potete contattare il gastroenterologo Dott. Christos Zavos per fissare un appuntamento o ricevere ulteriori informazioni via e-mail all’indirizzo czavos@ymail.com o chiamando il suo telefono cellulare al numero +30-6976596988, il quale supporta anche le app Viber e WhatsApp per una comunicazione più comoda.

Last update: 17 January 2024, 14:39

DR. CHRIS ZAVOS, MD, PHD, FEBGH

Gastroenterologist - Hepatologist, Thessaloniki

PhD at Medical School, Aristotle University of Thessaloniki, Greece

PGDip at Universitair Medisch Centrum Utrecht, The Netherlands

Ex President, Hellenic H. pylori & Microbiota Study Group