Gastrite: Cause, Sintomi, Diagnosi e Trattamento

3 MINUTES

Cosa si intende per gastrite?

La gastrite rappresenta un processo infiammatorio che colpisce lo stomaco. Frequentemente, questa condizione è indotta dalla presenza di un microorganismo denominato Helicobacter pylori, benché in alcune circostanze siano implicati diversi elementi scatenanti, quali l’uso di determinati medicinali o un consumo eccessivo di bevande alcoliche. La gastrite può manifestarsi in forma acuta, caratterizzata da una comparsa improvvisa di sintomi, oppure in forma cronica, che si sviluppa gradualmente nel corso del tempo. Generalmente, non comporta rischi significativi, tuttavia, se i sintomi persistono senza miglioramenti nonostante le cure o non vengono gestiti in maniera appropriata, le condizioni possono aggravarsi, ad esempio tramite la formazione di ulcere e emorragie. Pertanto, è consigliabile consultare un medico qualora i sintomi non subiscano miglioramenti.

Cosa provoca la gastrite?

La gastrite generalmente si manifesta a seguito dell’indebolimento della barriera protettiva dello stomaco, il che consente agli acidi gastrici di attaccare e infliggere un’infiammazione alla sua parete interna. Diverse sono le cause di questo indebolimento: tra queste figurano l’età avanzata, l’uso frequente o eccessivo di farmaci antinfiammatori non steroidei, un consumo elevato di alcol, un’alimentazione squilibrata, lo stress psicologico, condizioni autoimmuni, il reflusso di bile o altre patologie, come il morbo di Crohn. Altre volte, la gastrite può essere legata a infezioni, in particolare quelle causate dal batterio Helicobacter pylori.

Quali segni indicano la presenza di gastrite?

I sintomi tipici della gastrite risultano simili sia nella sua versione acuta sia in quella cronica. Tuttavia, nella forma cronica i sintomi tendono a manifestarsi più gradualmente e possono rimanere non percepibili per periodi prolungati.

I sintomi comuni includono dolore, sensazione di bruciore o crampi nello stomaco, nausea e vomito, nonché un senso di sazietà o pienezza dopo i pasti.

Quali misure si possono adottare per prevenire la gastrite?

Per prevenire l’insorgenza della gastrite, è cruciale minimizzare i fattori che possono aumentare il rischio di svilupparla. È particolarmente importante moderare l’ingestione di bevande alcoliche e utilizzare con cautela i farmaci antinfiammatori non steroidei, in quanto possono compromettere la salute della mucosa gastrica.

Procedura di diagnosi

Durante la visita gastroenterologica, il medico specializzato può formulare una diagnosi preliminare di gastrite basandosi sui sintomi descritti dal paziente.

Se ritenuto necessario, il gastroenterologo può richiedere ulteriori test diagnostici per confermare la presenza di gastrite e identificarne le cause.

I test diagnostici comunemente suggeriti includono:

  • Analisi delle feci e test del respiro per rilevare un’eventuale infezione da Helicobacter pylori.
  • Esofagogastroduodenoscopia, una procedura invasiva che si esegue sotto sedazione. Questo esame implica l’introduzione di un tubo flessibile dotato di una microtelecamera attraverso la bocca, permettendo l’ispezione diretta di esofago, stomaco e duodeno.

Approccio terapeutico

Il trattamento della gastrite varia in funzione delle sue cause, dei sintomi manifestati e della loro intensità.

Un aspetto fondamentale del trattamento è la cura dell’alimentazione e la revisione dello stile di vita. Si raccomanda di consumare pasti leggeri e frequenti, evitando cibi che possano irritare lo stomaco, come quelli fritti, ricchi di grassi saturi, speziati o piccanti. È inoltre consigliabile limitare il consumo di caffè, alcol e bevande gassate. Uno stile di vita attivo e un regolare ritmo sonno-veglia sono importanti, e i fumatori dovrebbero considerare di smettere.

Qualora le modifiche allo stile di vita e alla dieta non siano sufficienti a risolvere i sintomi, lo specialista potrebbe prescrivere farmaci antiacidi o inibitori della pompa protonica. Nel caso in cui la gastrite sia causata da un’infezione da Helicobacter pylori, sarà necessario un trattamento antibiotico.

Come posso contattare il gastroenterologo Dr. Zavos per fissare un appuntamento?

Il Dr. Christos Zavos è un gastroenterologo e epatologo certificato e ha il suo studio a Salonicco, Grecia, più precisamente nel quartiere di Kalamaria, a circa 7 chilometri a sudest dal centro di Salonicco. Il suo studio privato si trova in: Via Fanariou 8 (vicino alle vie Aigaiou e Adrianoupoleos), Kalamaria (Salonicco), Grecia.

L’Aeroporto Internazionale di Salonicco dista solo 10 km dal suo studio privato a Kalamaria e può essere raggiunto in taxi in circa 13 minuti dall’aeroporto.

Il Dr. Christos Zavos effettua endoscopie presso l’ospedale privato Bioclinic nel centro di Salonicco, in Via Mitropoleos 86.

Potete contattare il Dott. Christos Zavos per fissare un appuntamento o ricevere ulteriori informazioni via e-mail all’indirizzo czavos@ymail.com o chiamando il suo telefono cellulare al numero +30-6976596988, il quale supporta anche le app Viber e WhatsApp per una comunicazione più comoda.

Last update: 17 January 2024, 14:36

DR. CHRIS ZAVOS, MD, PHD, FEBGH

Gastroenterologist - Hepatologist, Thessaloniki

PhD at Medical School, Aristotle University of Thessaloniki, Greece

PGDip at Universitair Medisch Centrum Utrecht, The Netherlands

Ex President, Hellenic H. pylori & Microbiota Study Group